Visto che non so cucinare, vi racconto un episodio avvenuto col lievito usato in altri ambiti.

Lievito

Prologo

Una persona a me cara, esperta di estetica, chiacchierando in una simpatica serata fuori insieme, mi consiglia di usare il lievito fresco (il panetto che si può trovare tranquillamente al supermercato) per ottenere un effetto liftante al viso in quei giorni in cui la pelle sembra più stanca.

Parto in quarta, lo compro e attendo fiduciosa di usarlo.

Da “ignorante maxima” provo a spalmarlo in faccia così com’è e ovviamente desisto subito perché è praticamente impossibile. Essendo però in ritardo lascio perdere e passo oltre.

Arriva finalmente un altro giorno in cui ho del tempo e decido di riprovare perché ho la faccia proprio stanca.
Stavolta prendo un pezzettino piccolo e lo sciolgo in acqua spalmandolo in faccia.

Funziona, ma so di pizza non lievitata!!!!!!

Beh, funziona è una parola grossa…non che si noti una gran differenza, ma sicuramente è perché non l’ho fatto in maniera corretta. Almeno sapessi di pomodoro fresco (aroma che mi piace tanto) o di origano, ma no, puzzo di lievito!

Il risultato è che l’odore mi perseguita tutto il giorno nonostante mi sia rilavata la faccia e abbia messo una crema profumata.

Da qui decido che il restante panetto dovrà tornare al suo utilizzo originario ed insieme alla farina che ho nella dispensa, e che uso molto di rado, sono riuscita a fare dei panini alle olive e alla zucca abbastanza buoni!

Lievito

Sicuramente la mia amica ha ragione e lo sa utilizzare nel modo corretto, ma io è meglio che eviti!

Sul lievito ci sono molte dicerie e oltre all’effetto liftante, forse la più famosa è che il lievito di birra sia molto efficace per combattere l’acne. A tal proposito vi lascio il link di un articolo del blog “Bismama” dove potete trovare il parere di un esperto che chiarisce la questione: “Lievito, alleato di bellezza o fa davvero male alla salute?

La morale di tutto ciò è: “Betty lascia perdere gli esperimenti e usa le cose per il loro fine originario”!

Se voi avete esperienze finite meglio raccontatemele così magari imparo qualcosa.

Forse potrebbe interessarti leggere anche: “Pudding con semi di Chia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.